Guida di Lucca

Lucca nata in antichità come un villaggio ligure-etrusco, è riuscita a mantenere la sua indipendenza come piccolo Stato fino al Settecento.

LuccaAvvantaggiata dalla sua posizione chiave, poiché si trovava nelle confluenza di tre strade consolari: la Cassia, l'Aurelia, la Clodia, diventa presto un importante centro, ed in epoca romana diviene sede del primo triunvirato tra Cesare, Pompeo, Crasso. Successivamente venne conquistata dagli Ostrogoti (493), dai Bizantini (552) e dai Longobardi (intorno al 570).

Raggiunge il suo massimo splendore nel XIII sec., avviando importanti commerci e diviene nell'Ottocento la più importante produttrice di seta, che importava direttamente dal Gange, dal Catai e dalla Georgia.

La città istituì il Consiglio Maggiore, costituito da cinquecento membri che ogni sei mesi dovevano eleggere il podestà. In questo periodo sorgono diverse chiese romaniche come S.Michele, S.Giustino, S.Martino, e S.Frediano. Travagliata negli anni dalle lotte interne tra Bianchi e Neri, vede il susseguirsi di diversi signori, fino a quando viene sottomessa alla signoria dei Pisani fino al 1369, anno in cui grazie all'imperatore Carlo IV di Boemia, ottiene di nuovo la propria indipendenza.

Nel 1400 viene governata da Paolo Guinigi, a seguito della sua morte, nel 1430, Lucca torna ad essere una Repubblica, crescono le attività bancarie e diviene così un sempre più affermato centro economico. La Lucca delle Rinascenza, si adorna del Palazzo pretorio, e chiama da fuori diversi artisti come il Ghirlandaio e Pisano per far costruire una meravigliosa serie di ville: Buonvisi, Malpigli, Cenami e tante atre. Nel 1799 la Repubblica cade sotto il potere dei Francesi, quindi diviene principato di Lucca e Piombino, sotto la guida di Elisa Baciocchi e poi di Maria Luisa di Borbone e di suo figlio Carlo Ludovico, che la venderanno al Granducato di Firenze poco prima dell'unità d'Italia.

Lucca ad oggi si presenta come una città ricca d'arte, che vede le sua bellezze distribuite quasi in modo casuale, ricalcando i diversi siti : il romanico, il gotico, il romanico, il barocco, ed il neoclassico.

Tra i più importanti, Il Duomo, dedicato a San Martino che venne rivisto nel XII, e arricchito con colonnine tortili sulla facciata, al suo interno si trova la tomba di Ilaria del Carretto, il capolavoro di Jacopo della Quercia ed il Volto Santo di Lucca, un crocifisso ligneo.

La chiesa di S. Michele, la cui facciata e caratterizzata dalla presenza di tante colonnette. La chiesa di S. Frediano con la meravigliosa facciata romanica. O ancora il Palazzo Pretorio, un tipico esempio di edificio rinascimentale, disegnato da Matteo Civitali.

Lucca con i suoi monumenti, si presente come una città d'arte dalla bellezza discreta, e grazie al buon clima, al mare vicino, alla tranquillità, richiama a sé studiosi, scrittori, storici musicisti tutti di diversa nazionalità.