Museo per la famiglia

Si terrà a Firenze dal 14 al 27 Novembre 2012 un evento dedicato a tutta la famiglia e in particolare ai più piccini.
Si svolgerà infatti la quinta edizione di “Famiglie al Museo” con una serie di incontri all’interno dei musei del Polo Fiorentino e con un insieme di attività didattiche dedicate proprio ai più piccoli e volte ad insegnare l’importanza dell’arte e della cultura attraverso il gioco e il divertimento.
Il museo del Bargello aprirà le sue porte e mostrerà un percorso particolare dedicato alla musica e alla moda e saranno messe a disposizione giochi a seconda delle diverse fasce di età dei bambini e dei ragazzi che prenderanno parte alla manifestazione fiorentina.
In realtà è bene sensibilizzare la curiosità sin nei più piccini anche perché l’arte più di tutte è in grado di accostarsi ai bambini con la forza delle immagini, con le storie e i miti in grado di evocare a loro volta leggende e personaggi e grazie al potere dell’espressione artistica è capace di ammaliare in maniera sublime le menti più vivaci ed esuberanti.
Certamente lasciare i bambini soli davanti ad un’opera d’arte o portarli all’interno dei musei con i genitori che molto spesso non si intendono di arte e non fanno altro che passeggiare per le sale non ha moltissimo senso. Lo sviluppo delle attività didattiche, guidate da esperti del settore, da persone preparate sia a lavorare con i bambini sia pronti a spiegare mediante la didattica la grande tradizione artistica, che è il fondamentale bagaglio culturale del nostro paese, sarà senza dubbio il giusto mezzo attraverso il quale poter formare uomini migliori.
Il calendario dei musei del Polo fiorentino è ricchissimo e c’è veramente solo l’imbarazzo della scelta! Inoltre tutti gli incontri, su prenotazione e per un numero tendenzialmente limitato di bambini e ragazzi, sono assolutamente gratuiti proprio perché imparare l’arte non deve avere un prezzo, se non quello dell’arricchimento dei nostri figli.
Ovviamente ai ragazzi saranno consegnate e donate le schede di lavoro, le cartoline, i puzzle e tutto il materiale che è stato utile a coinvolgerli in modo piacevole nello svolgimento di ciascun percorso, così da non perdere la memoria di quello che è stato fatto al museo e così da permettere e conservare l’esperienza come ricordo.
Firenze mette a disposizione della collettività i suoi musei, i suoi stupefacenti capolavori, le sue immense ricchezze e la sua immortale bellezza: inutile dire che approfittarne è d’obbligo!