English
PRIMO PIANO

Un anno di bellissime Mostre



(Nella foto: Giovanni Fattori, 'Marcatura dei cavalli in Maremma', particolare)



L'elenco di alcune delle più importanti mostre in corso:


Per cominciare, Firenze quest'anno celebra il più noto dei macchiaoili toscani,  Giovanni Fattori con ben quattro mostre e iniziative collegate sotto il titolo Firenze per Fattori . In particolare, dal 19 marzo al 22 giugno Villa Bardini ospita la mostra Fattori e il Naturalismo in Toscana dedicata al Fattori naturalista, pittore dei campi, dei paesaggi toscani e delle gesta di tutti i giorni degli uomini e delle donne cheli popolano. Saranno esposte circa 40 opere, per lo più di grandi dimensioni, per mettere in luce il rapporto tra l’artista e alcuni epigoni toscani della generazione successiva.
Biglietto 6 euro, ridotto Banca CR Firenze 5 euro (vedi i vantaggi per i clienti Banca CR Firenze). Prenota online il biglietto per la mostra.

Cina: alla corte degli imperatori. Capolavori mai visti, dalla trazione Han all’eleganza Tang (25-907 DC) 7 Marzo - 8 Giugno 2008. Si tratta di una spettacolare celebrazione dell’Età d’Oro della Cina, che porta in Europa oltre cento capolavori risalenti alla dinastia Tang.  Splendidi affreschi, spettacolari sculture di pietra, squisiti oggetti d’oro e d’argento, preziose ceramiche, vivaci statue di terracotta, vetri esotici, gioielli raffinati, lacche preziose, molti dei quali mai visti finora in Occidente. L’epoca Tang fu un periodo di rinascimento delle arti, delle arti applicate e della letteratura, un tempo di grande sviluppo sociale, economico e culturale per la Cina. La Via della Seta, che collegava l’Estremo Oriente all’Asia e al Mediterraneo, aprì la Cina a influenze straniere che produssero un marcato cosmopolitismo, riflesso nell’arte del tempo.  Orari: tutti I giorni 9,00 – 20,00 Giovedì ore 9,00 – 23,00 . Accesso in mostra consentito fino a un ora prima dell’orario di chiusura. Biglietti Intero  € 10,00 Ridotto  € 8,50, € 8,00, € 7,50  Scuole   € 4,00 . Informazioni in mostra: 055/2645155
Biglietti normale online per la Mostra >>>
Oppure Biglietto 'abbonamento libero' online >>>

Collegata alla precedente la mostra Cina Cina Cina!!!” di arte contemporanea. Dal 21 marzo al 4 maggio, al CCCS - Centro di Cultura Contemporanea Strozzina - Fondazione Palazzo Strozzi di Firenze, con il sostegno della Regione Toscana, Provincia di Firenze, Comune di Firenze, Camera di Commercio di Firenze e dell’Associazione Partners di Palazzo Strozzi, si terrà la mostra CINA CINA CINA!!!, che presenterà le opere di 15 artisti contemporanei cinesi provenienti da tre differenti realtà metropolitane – Pechino, Shanghai, Canton. Info: T. +39 055 2776461/ 06 - tel. 055 2645155. 

Il primo grande evento dell'anno Galileiano: Il Telescopio di Galileo. Dal 4 Marzo 2008 al 31 Dicembre 2008 all'Istituto e Museo di Storia della Scienza . Lo strumento che ha cambiato il mondo. Grazie a Galileo Galilei, tra l’estate e l’autunno del 1609 l’universo assume d’un tratto una fisionomia interamente nuova. Il cannocchiale consente infatti allo scienziato pisano di confermare le rivoluzionarie teorie di Nicolò Copernico: la Terra non è immobile al centro dell’universo, ma ruota su se stessa e orbita intorno al Sole. È l’annuncio di un’astronomia e di una visione del mondo destinate a provocare sconvolgimenti straordinari. A 400 anni di distanza da quei giorni epocali, l’Istituto e Museo di Storia della Scienza dedica al telescopio di Galileo e alle sue osservazioni celesti una mostra spettacolare, che inaugura la grande stagione delle celebrazioni galileiane del 2009.
Istituto e Museo di Storia della Scienza – Firenze Piazza dei Giudici 1. Info: tel. 055.265311, imss@imss.fi.it.

Le Stanze di Guido Reni. Disegni del maestro e della scuola. Aperta al pubblico dal 15 marzo al 1 giugno 2008, la mostra getta luce sul percorso artistico e le diverse funzioni della attività disegnativa di Guido, grazie allo scandaglio del fondo grafico degli Uffizi, che conserva un cospicuo nucleo di fogli del pittore bolognese, più volte segnalato dalla bibliografia, ma non ancora fatto oggetto di un’analisi complessiva.
Gabinetto Disegni e Stampe degli Uffizi, Piazzale degli Uffizi, Firenze.
Orario: da martedì a domenica: h 8,30 – h 18,30 (chiuso il lunedì). Telefono: 055 2388 624.

15X15. 15 gallerie, 15 artisti (Arte contemporanea). Il 14 marzo inaugura al Forte Belvedere una nuova edizione di 15x15, 15 gallerie 15 artisti. Lo scorso anno, nei 34 giorni della sua apertura, la mostra ha fatto registrare un affluenza di oltre 12.000 visitatori, ottenendo allo stesso tempo ampi e lusinghieri consensi da parte della critica. Sulla scia di questo successo, anche nel 2008 l'evento viene riproposto mantenendo invariato il concetto alla base del progetto.

HENRI CARTIER-BRESSON / MEXICAN NOTEBOOKS: Palazzo Pichi Sforza, Sansepolcro dal 16 marzo al 18 maggio 2008.Inaugurata il 15 marzo a Sansepolcro nelle sale di Palazzo Pichi la mostra 'Mexican Notebooks', fotografie di Henri Cartier-Bresson. Presentata da Mercurio Promozioni in collaborazione con Magnum Photos, la Fondation Henri Cartier-Bresson e Contrasto, la mostra rimarrà aperta fino al 18 maggio. I 44 scatti di 'Mexican Notebooks' sono i protagonisti di un'esposizione che si terrà a Sansepolcro, nel cuore della Toscana, dal 15 marzo fino al 18 maggio 2008. La mostra è allestita nelle sale di Palazzo Pichi, nel centro storico della città natale di un altro genio dell'arte: Piero della Francesca.
Tutti i giorni 10:00 - 13:00 e 15:00 - 19:00
Sabato orario continuato dalle 15:00 alle 23:30.
INFO : 0575 735384; info@mercuriopromozioni.com BIGLIETTI € 5,00 intero € 3,00 ridotto.

Ludus in fabula: Giochi e Immagini dell'Infanzia nell'Antichità al Museo Archeologico Nazionale di Firenze da febbraio a giugno 2008. Una mostra-evento destinata anche ai piccoli: Un grande viaggio attraverso la vita dei bambini e dei loro giochi nell'antichità. Questo propone la mostra “Ludus in fabula. Giochi e immagini nell’antichità”, organizzata dal Museo Archeologico Nazionale di Firenze con la collaborazione dell'Istituto degli Innocenti, e visitabile da domenica 3 febbraio al Museo Archeologico di Firenze (ingresso libero).
Museo Archeologico Nazionale, Salone del Nicchio, Piazza Santissima Annunziata, Firenze. Orari: lunedì 14-19; martedì e giovedì 8,30-19; mercoledì, venerdì, sabato e domenica 8,30-14. L'ingresso alla mostra è libero. Informazioni mostra: tel. 055 23575. Informazioni laboratori: La Bottega dei Ragazzi tel. 055.2478386. labottegadeiragazzi@istitutodeglinnocenti.it (vedi anche le altre iniziative per i bambini a Firenze)

Un'altra tappa notevole è il nuovo Museo del Tesoro di San Lorenzo che propone al pubblico, attraverso circa quaranta opere databili tra il XIV e il XIX secolo, uno spaccato del patrimonio di arredi liturgici e di reliquiari di pertinenza della basilica laurenziana, già parzialmente documentato da quanto esposto nelle sagrestie della cappella dei Principi.
Come è noto, nell’ambito del percorso museale delle Cappelle Medicee, vennero infatti trasferiti nel 1945 parte dei munifici doni ai papi medicei Leone X e Clemente VII e un consistente numero di splendidi reliquiari provenienti dalla Cappella Reale di palazzo Pitti, pervenuti a San Lorenzo nel 1785. Ma i visitatori, fino ad oggi, non potevano rendersi conto della complessità delle vicende di un tesoro che andava al di là di quanto comunemente noto. Il nuovo Museo è a due passi dalle Cappelle Medicee.Orari: il Tesoro della Basilica di San Lorenzo sarà aperto tutti i giorni feriali dalle 10 alle 17 e la domenica (da marzo ad ottobre) dalle ore 13,30 alle ore 17. Il costo del biglietto – comprensivo della visita alla Basilica, Tesoro di San Lorenzo e Sagrestia Vecchia  – è di Euro 2,50 fino al 31.12.2007; dal 1.1.2008 è di Euro 3,50; l’ingresso è gratuito per i residenti nella provincia di Firenze con documento d’identità valido. L’ingresso è dal chiostro.

23 dicembre 2007 fino al 27 aprile 2008 Orsanmichele “A Bon Droyt spade di uomini liberi, cavalieri e santi”. ‘A bon droyt’ è il motto che figura sui cartigli che legano tra loro, in fasci, i semi di spade e di bastoni nei mazzi dei tarocchi eseguiti a metà del Quattrocento da Bonifacio Bembo e dai suoi collaboratori per la corte milanese dei Visconti. La scelta è consapevolmente provocatoria e l’esposizione cerca di analizzare la spada come oggetto simbolo della cavalleria cristiana.  Sin dall’età del bronzo quest’arma fu rimando alla ricchezza ed alla potenza assai più che al potere e come tale venne riconosciuta da tutte le culture antiche. Più che un’arma essa fu segno della forza d’animo e della determinazione del diritto, per questo divenne un simbolo codificato nell’Occidente impegnato a difendere il proprio diritto ad esistere ed a seguire la propria via, autonomamente, come qualsiasi altra cultura sotto il cielo. Biglietto: Gratuito – ma per prenotazione obbligatoria – 3,00 euro. Orario: 9,00 – 15,00 feriali e festivi.

Un’altra bellezza, Francesco Furini22 dicembre 2007 - 26 aprile 2008 Palazzo Pitti Museo degli Argenti A vent’anni dall’esposizione di Palazzo Strozzi (1986-1987) che presentò al pubblico l’intera civiltà figurativa del Seicento fiorentino, oggi la curatrice di quella mostra, Mina Gregori, professore emerito dell’Università di Firenze e presidente della Fondazione di Studi di Storia dell’Arte ‘Roberto Longhi’, e Rodolfo Maffeis, storico dell’arte specialista del pittore, presentano la prima mostra monografica di livello internazionale mai dedicata ad un artista del Seicento fiorentino: Francesco Furini (Firenze, 1603-1646). Il percorso della mostra, incentrata esclusivamente sulle opere del Furini secondo un nitido impianto monografico, si articola attraverso sette sezioni organizzate in sequenza cronologica ma anche, fin dove possibile, tematicamente omogenee.
Orari: dicembre, gennaio e febbraio: 8.15–16.30; marzo: 8.15–17.30; aprile: 8.15–18.30. Chiusura: primo e ultimo lunedì del mese, 25 dicembre, 1°gennaio. La biglietteria chiude un’ora prima del Museo.

Pittura napoletana del Seicento  dalle collezioni medicee. Fino al 13 aprile 2008.
Nel corso del Seicento alcuni dei maggiori pittori napoletani soggiornarono a Firenze per periodi di tempo più o meno lunghi (Battistello Caracciolo 1618, Salvator Rosa 1640-1648, Luca Giordano 1682, 1685-1686) e vi lasciarono opere significative, commissionate dai Medici e da altri aristocratici della città. L’esposizione si propone di illustrare al pubblico la pittura napoletana seicentesca appartenente ai musei statali di Firenze, attraverso un percorso articolato, per cronologia e per protagonisti, nelle seguenti sezioni:

Appesi a un filo: Bottoni alla Galleria del Costume di Palazzo Pitti. Fino al 27 aprile 2008. E’ una mostra insolita per l’Italia quella allestita nella Sala da Ballo della Meridiana di Palazzo Pitti. Infatti il collezionismo di bottoni, così come lo è stata la sua produzione, è una prerogativa del mondo anglosassone e francese; di conseguenza non si sono avute, fino ad oggi, esposizioni monografiche dedicate a questo accessorio.
Orario: Da lunedì a domenica 8,15 – 16,30; 8,15 – 17,30 (marzo); 8,15-18,30 (aprile).

Vedi anche:

L'articolo di anticipazione per le mostre dell'Estate a Firenze, dai un'occhiata per conoscere le principali novità culturali su Firenze dalla Primavera all'Autunno.


Tutte le altre mostre in Firenze >>>


Per conoscere e prenotare (evitando le code) i Musei di Firenze >>>


Per tutte le altre notizie il Night & Day >>>





Torna alla Home Page




COMPRA BIGLIETTI
Home page


Le offerte di FIRENZE.NET